Archivio giornali Ippica, Collezione quodidiani Trotto, articoli su cavalli da corsa, riproduzioni di pagine di vecchi giornali di Ippica

Ombra
Logo Quelli del Trotto

Riviviamo l’edizione 1956, l’unica vinta da Vivaldo Baldi

Foto

Domenica 26 febbraio 1956: è il giorno del Gran Premio d’Europa, che sarà poi vinto a grossa sorpresa da Checco Pra, improvvisato con grandissima classe da quel genio delle redini lunghe che è stato Vivaldo Baldi. Nel racconto di Antonio Berti, pubblicato sul n. 97, anno XIII del 25 aprile 2009 di “Trotto&Turf”, riviviamo insieme uno dei tanti momenti epici di questa classica milanese, sicuramente uno dei gran premi che costituiscono l’ossatura principale della storia del nostro trotto. ----------------------------- In questa ippica dei nostri giorni nella quale, diciamocelo francamente, si sono persi i punti fondamentali di riferimento e regna (vogliamo essere buoni?) un po’ di confusione, per ricaricare le batterie della passione, giù di corda anche loro, fa bene dare uno sguardo al passato. E il premio d’Europa è l’occasione buona per cercare, nella sua lunga storia – data di nascita 1928 – episodi simpatici e curiosi che hanno costellato la storia di questa basilare classica int...
Continua a leggere >>>
Vedi tutti gli articoli >>>

Varo del “Tris”

Foto

E’ il 20 febbraio del 1958 quando, in Italia, si gioca per la prima volta la scommessa Tris. L’evento, che si può definire storico per tutto il sistema ippico, è legato ad una corsa al galoppo a Capannelle, un ascendente per 4 anni ed oltre sulla distanza dei 1700 metri. La necessaria fase di rodaggio di tutto il sistema legato alla nuova scommessa impone ancora un funzionamento “a tre cilindri” dell’organizzazione ma, dall’articolo (non firmato e, quindi, con ogni probabilità del direttore Ugo Berti) tratto dal “Trotto Italiano” di martedì 18 febbraio 1958, emerge in modo chiaro quante siano le speranze del settore nei confronti di questa grande novità. Speranze ben riposte, peraltro, verso una scommessa che incontrerà in modo sempre crescente il grande favore del pubblico e vivrà la seconda tappa importante della sua storia sette anni dopo. Ma su questo ci ritorneremo… ----------------------------- “Giovedì prossimo si avrà il varo in Italia di una nuova scommessa ippica denomina...
Continua a leggere >>>
Vedi tutti gli articoli >>>

Attribuiti gli “Oscar” del Trotto 1955

Ugo Berti, direttore di “Trotto Italiano”, sul numero del 7 febbraio 1956, descrive la serata organizzata dall’Encat durante la quale il presidente Renzo Orlandi consegnò i riconoscimenti ai migliori esponenti dell’anno 1955. Dalle parole del Direttore esce un’immagine stupenda del mondo del trotto, ancora pervaso da quella passione che era il motore principale di tutto il sistema e, comunque, affiancato anche da un’attenzione ai “valori etici del Trotto”, oggi ancora esistenti ma, purtroppo, da molti dimenticati. ----------------------- “Serata degli “Oscar” potremmo chiamare la manifestazione promossa sabato sera dall’Encat a Milano al termine di un pranzo offerto nelle sale di un noto ritrovo cittadino. Oscar del Trotto, cioè innanzi tutto consacrazione ufficiale dei risultati del Campionato internazionale 1955: con la consegna della Coppa d’oro e delle relative medaglie e con il corollario degli altri premi per sunteggiare, nel riconoscimento dei più meritevoli, tutta l’attività ...
Continua a leggere >>>
Vedi tutti gli articoli >>>

Quando l'ippica era soprattutto uno sport

Foto

L’ippica non va bene. Anzi piuttosto malino. Si dice che le colpe siano dei politici, tutti, di destra e di sinistra, e questo, probabilmente, è vero. Basta pensare che a uno sport come il nostro, che vive su un contenuto tecnico di gran rilievo, molto difficile a comprendersi per la sua peculiare originalità, sono stati tolti gli enti tecnici, cioè l’Encat per il trotto ed il Jockey Club per il galoppo. Non torna, è vero? E in questo la colpa è anche nostra, perché ci siamo lasciati depredare del nostro “patrimonio” senza reagire. Un patrimonio prezioso affidato a persone totalmente impreparate nel settore specifico. E i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Non stiamo a descrivere tutto quello che sta succedendo, perché chi ama l’ippica come sport lo sa benissimo dal momento che lo sta vivendo sulla propria pelle. Quello, però, che non sono riusciti a toglierci, è il nostro passato, del quale noi ippici siamo orgogliosissimi. Un passato ricco di successi nazionali e internazio...
Continua a leggere >>>
Vedi tutti gli articoli >>>

Le News di Quelli del Trotto

Cinquant’anni fa il battesimo di Tor di Valle

L’ippodromo di Tor di Valle compie 50 anni. Esattamente il 26 dicembre 1959 si disputò il primo convegno sul nuovo impianto “fuori porta” del trotto romano. Un impianto la cui gestazione non fu priva di polemiche, anche dure. Infatti, la scelta di un posto tanto lontano dal cuore della capitale,... Continua a leggere >>>

Vedi tutte le news >>>

L'angolo del veterinario

Per migliorare l’aspetto del mio cavallo mi hanno consigliato di dargli del farro mischiato con biada e mele, ma il giorno dopo il cavallo non si è sentito bene. Può essere quella la causa? (Ciro)

E' possibile che un cambio di alimentazione dia dei disturbi al cavallo. L'eventuale cambio di alimentazione deve sempre essere molto graduale. Il cavallo, infatti, ha una digestione pilotata da una flora batterica che deve adattarsi all'alimento che deve elaborare. Questo vale per qualsiasi cambio... Continua >>>
Vedi tutte le domande >>>



SCRIVETE AL DR BERTI

Questa sezione è dedicata a tutti coloro che hanno questioni da porre in materia di medicina veterinaria. Il Dr Lorenzo Berti risponderà alle domande che vorrete porgli, invian- dole all'indirizzo e-mail:

veterinario@quellideltrotto.it

QUELLI DEL TROTTO S.A.S. DI VIERI BERTI & C.
Via Novoli, 3 - 50026 San Casciano Val di Pesa (FI)
e-mail: info@quellideltrotto.it - vieriberti@quellideltrotto.it - antonioberti@quellideltrotto.it
P. IVA 04751210487

Ombra