Domande sulla Saluta del Cavallo al Veterinario Ippico Dr. Berti, Cavalli e Corse al Trotto

Ombra
Logo Quelli del Trotto

Ho un cavallo che circa un anno fa, dopo una colite, ha iniziato ad avere frequenti problemi intestinali. E’ un cavallo da corsa, corre spesso e non ha mai dato segnali di insofferenza, anzi è sempre molto “carico”. Cosa posso fare? Saluti cordiali, Jan

Risponde il Dr. Lorenzo Berti, medico veterinario

Il problema della diarrea a seguito di una colite, purtroppo, molto spesso si cronicizza e diventa difficile da eliminare. Può darsi, nel suo caso, che l'improvvisa colite abbia causato dei danni alla parete intestinale provocando un malassorbimento con conseguente manifestazione di diarrea. E' sempre molto difficile risalire alle cause della diarrea ma, comunque, deve cominciare da un’accurata anamnesi (ha avuto antibiotici prima che si scatenasse il fenomeno?) e da un esame delle feci (parassitologico e sangue occulto) seguito da una gastroscopia per evidenziare l'eventuale presenza di ulcere che, talvolta, possono essere la causa primaria della diarrea, anche se in genere la presenza di ulcere provoca anche un calo di rendimento e mi sembra che non sia il suo caso. Nell'alimentazione, forse, potrebbe provare a ridurre, o addirittura eliminare, per un periodo l'erba medica, che talvolta può dare problemi intestinali. Questi sono i primi passi da fare, che forse ha già fatto. Per approfondire potrebbe eseguire un test di assorbimento, che consiste nel somministrare una dose di fruttosio per sonda rinoesofagea ed eseguire una serie di prelievi ematici nelle ore successive che le consentano di valutare indirettamente, in base al livello della glicemia, se la capacità di assorbimento dell'intestino è o meno regolare. Un approfondimento ulteriore consiste in una biopsia intestinale, che diventa però decisamente più invasiva. Come terapie sintomatiche si può ricorrere alla somministrazione di yogurt, se lo mangia volentieri, oppure di prodotti tipo Replay, che aiutano la ricostituzione della flora intestinale. Queste sono le cose più concrete che si possono fare. Spero di essere stato chiaro e, comunque, se ha altre domande sono a sua disposizione. Dr. Lorenzo Berti

Pubblicato sul sito in data: 2010-02-06

Invia la tua domanda al Dr. Berti: veterinario@quellideltrotto.it - Riceverai una risposta su queste pagine.

Vai all'archivio delle Domande >>>

VIERI BERTI
Via Mainardi, 9/Bis - 56029 Santa Croce Sull'Arno (PI)
e-mail: bertivieri@gmail.com -
P. IVA 05384510482 | Privacy

Ombra